I due livelli della comunicazione

La comunicazione funziona a due livelli principali: 1) subliminale, ossia con ricezione communicationautomatica, archetipica; 2) cosciente-razionale, ossia con ricezione interpretativa, critica. La prima è istantanea, la seconda differita. Sentiamo un ringhio e ci spaventiamo; poi capiamo che è un amico che ci fa uno scherzo e ridiamo. Le due forme di ricezione non sono però necessariamente sfasate: possono anche sovrapporsi e opporsi l’una all’altra. In un discorso politico o in una pubblicità commerciale vanno tenuti presenti entrambi gli elementi. Il pubblico è composto di persone attente (che recepiscono il messaggio criticamente) e di persone distratte (che lo recepiscono archetipicamente). Per di più, mentre le persone distratte lo recepiscono solo archetipicamente, le persone attente lo recepiscono criticamente e archetipicamente. D’altra parte, se troppo evidente, l’aspetto archetipico può risultare fastidioso all’utente attento, in quanto contrasta marcatamente con la sua interpretazione cosciente. In sostanza, è opportuno dosare bene in due elementi.

Advertisements

One thought on “I due livelli della comunicazione

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s