Le virtù di Licurgo e l’orologio di Renzi

Gli status symbol sono un codice. Si comprano e si usano per lanciare segnali. Infatti il passaggio di Matteo Renzi dallo Swatch all’Audemars Piguet indossato alla Leopolda (costo: orologiorenzi400dai diecimila ai quindicimila euro) non ha mancato di essere colto dai giornali di destra, che lo hanno correttamente interpretato come una conferma della vocazione liberista dell’attuale primo ministro e del suo partito.
Palese la soddisfazione del Giornale, che ne ha approfittato per ribadire un principio fondamentale della società dell’ineguaglianza verso cui Renzi ci sta traghettando: “Ognuno è libero di acquistare o sfoggiare qualunque tipo di oggetti e di qualsiasi valore”. L’appiattimento dei gusti e il mito del pauperismo furono un limite del socialismo reale, peraltro dovuto a precise condizioni storiche ed economiche; ma qui siamo ben oltre il piacere della varietà e il riconoscimento dell’importanza di una certa disparità di condizione: siamo all’ostentazione del privilegio, per cui un oggetto costoso non basta averlo ma lo si ha per “sfoggiarlo”; siamo all’apologia dell’incontrollata concentrazione della ricchezza (“qualsiasi valore”); siamo all’affermazione dell’assoluta priorità delle “libertà” dell’individuo rispetto alla solidarietà sociale e allo spirito nazionale. Puro liberismo materialista, quel tipo di avidità e di egoismo, spesso misti a pacchianeria, che le civiltà e le loro culture, a cominciare dalle religioni, hanno sempre cercato di moderare se non estirpare. Al punto che Licurgo, il leggendario legislatore spartano, per rafforzare il senso civico ed etico di appartenenza alla comunità, decise di sminuire l’importanza sociale della ricchezza eliminando “la possibilità di usare o esibire i propri beni”. Ne parla Plutarco nei Moralia, un testo su cui per secoli si formò la classe dirigente occidentale – in Italia fino a non molti decenni fa.
Renzi, come Berlusconi, non ne ha mai sentito parlare. Invece di confrontarsi con i grandi modelli della classicità, resi mitici dalle loro virtù, preferisce confrontarsi con le celebrity di oggi, la cui unica qualità è il successo, non importa se casuale o immeritato. Facile: il presente senza spessore non può che confermare sé stesso e non ha dunque bisogno di un’etica, di “moralia”: siccome parecchi milioni di italiani desiderano l’iPhone, l’iPhone è un valore assoluto.
Questo dice l’orologio di Renzi, in modo così chiaro che persino Il Giornale è stato in grado di cogliere il messaggio. Lo hanno certamente colto i duemila della Leopolda, ai quali era principalmente destinato: una promessa di lusso, favori e immunità riservata a loro, i vincenti, che in quanto celebrity o persone di successo hanno diritto ad avere tutto, e gli altri, i “losers”, niente. La promessa di un’Italia da bere, tutta immagine, indici di gradimento e status symbol, un gigantesco reality in cui il popolo deve sognare di avere un Audemars Piguet o un Piaget (li regalava Berlusconi ai parlamentari del suo partito) in modo che loro, i pochi che ce li hanno, possano scordare la propria mediocrità e sentirsi degli dèi.

[La citazione da Plutarco è stratta da Le virtù di Sparta, a cura di Giuseppe Zanetto, Adelphi, 1996, p. 108].

Advertisements

Parole vuote e parole pesanti

Banalmente chic scegliere una radio francese per criticare i radical chic italiani. “I radical chic in Italia hanno deciso che io non sono di sinistra”, ha tuonato Matteo Renzi da Parigi. Chissà a chi si parolepietreSQriferiva: credevo che si fossero estinti da almeno una generazione.
Di radical chic parlò per la prima volta lo scrittore Tom Wolfe, quello del Falò delle vanità, nel 1970, riferendosi a una forma di snobismo e conformismo caratteristica dei decenni della contro-cultura, prima del grande riflusso nell’individualismo e del trionfo economico del neocapitalismo. I primi a venire cooptati dal sistema furono proprio i radical chic, facilmente riciclati come celebrity in cambio di ciò che da sempre desideravano: denaro e attenzione. Questo, già negli anni ottanta. Ma è tipico dei demagoghi attaccare persone o ideologie che ormai non hanno alcun potere o rilevanza: e a posteriori, senza rischiare nulla, attribuirsi il merito della loro rottamazione.
Per continuare a giocare la parte del rottamatore pur essendo un conservatore, Renzi deve far credere che il mondo sia sempre quello della sua gioventù. Ci spiega: “Avevo 14 anni quando mia madre guardava in TV il muro di Berlino che cadeva. E ricordo che mi parlava del suo mito politico, che non era un comunista italiano ma era Bob Kennedy”.
Un inciso: perché mai sua madre, che era ed è sempre stata un’integralista cattolica, fervente antiabortista della prima ora, avrebbe dovuto avere un comunista come mito politico? Ovvio che fosse un Kennedy, cattolico, giovane, un simbolo dell’America libera che contrastava il totalitarismo materialista dell’Unione sovietica (allora il materialismo era un peccato capitale: non come adesso, che è una grande conquista del Mercato). Che poi fossero stati assassinati, sia Bob che JFK, era ancora più vantaggioso: i màrtiri non fanno politica ma possono essere usati per fare la politica che gli si vuole attribuire.
Renzi fa finta che le battaglie da combattere siano sempre quelle: che ci sia ancora un muro di Berlino da abbattere. In modo che la gente non si accorga che le grandi speranze generate da quell’evento sono state tradite, precisamente da conservatori come lui e sua madre, che aspettavano nell’ombra (e davanti alla TV) l’occasione per approfittare dei risultati di lotte portate avanti (nelle piazze) da altri.
Che i radicali non fossero necessariamente di sinistra lo hanno dimostrato, in Italia, le tristi vicende di Marco Pannella e Emma Bonino, per anni fiancheggiatori di Berlusconi. Ovunque in Occidente, la deriva verso politiche radicali di nicchia (quelle che in inglese si chiamano “single-cause issues”) ha oggettivamente indebolito il movimento progressista inducendo la gente a rinunciare alla solidarietà e alla ricerca di faticosi compromessi, alla disciplina di partito e a ideali collettivi, e applicare invece anche nell’impegno sociale i princìpi fondamentali del liberismo, ossia la concorrenza, l’individualismo, il profitto personale. Quanto alle persone chic, il solo fatto di ambire alla distinzione (esplicitata dalle griffe e dagli status symbol), li rende estranei alla sinistra: la cui unica irrinunciabile caratteristica è la priorità assegnata all’eguaglianza, in particolare quella economica.
Però il fatto che i radical chic non fossero di sinistra non significa che lo sia l’antiradicale e poco chic Renzi. Ce lo dice lui stesso (senza accorgersene, come spesso gli capita): “La sinistra deve cambiare se vuole rimanere sinistra”. Se oltre a SMS e tweet leggesse anche qualche libro avrebbe evitato una frase del genere. Perché ricorda da vicino quella, una volta famosa, del Gattopardo: “Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”. Che è la consueta strategia dei conservatori, il loro marchio DOC (e DC): prevenire reali riforme facendone di fittizie e inutili, che lascino inalterati gli effettivi rapporti di potere. Renzi è il burattino italiano del grande capitalismo globalista (i Marchionne), che per continuare a espandersi dopo avere dilapidato le immense risorse naturali e umane accumulate in milioni di anni dalla natura e in millenni dalle civiltà, ha ora bisogno di appropriarsi di tutti i residui beni comuni e sociali, inclusi quelli che aveva concesso ai popoli per tenerli buoni e lontani dalla tentazione del comunismo.
Per fermare Renzi e il capitalismo globalista di certo non basterebbero gli ambigui radical chic di un tempo andato per sempre; che peraltro si sarebbero venduti al miglior offerente in cambio di un’apparizione in un talkshow ad alto indice di ascolto. Servono organizzazione, chiarezza, vigilanza, rigore. Anche a livello linguistico. Il liberismo vuole assuefarci a discorsi vuoti, a cambiamenti solo a livello d’immagine, e così convincerci che la conversazione (etimologicamente, “trovarsi insieme”) e la compassione (“patire insieme”) siano inutili, che le comunità e il senso di appartenenza e di collaborazione siano illusioni, che l’empatia e l’impegno siano segni di debolezza e l’unica cosa che conta sia il bisogno di prevalere, di affermarsi, di avere di più degli altri.
Questa guerra la si vince o la si perde a livello di media, di comunicazione, di linguaggio. Contro la deriva nella superficialità le parole della sinistra devono tornare a essere pietre.

[Questo articolo è apparso anche nella mia rubrica Left Turn sulla VOCE di New York].